Nei circhi elefanti obesi e tigri sotto stress

1056971--180x140.jpg

Gli animali selvaggi al seguito delle compagnie circensi spendono dall’uno al nove per cento del loro tempo a fare esercizi, per il resto sono confinati in strette gabbie, con gravi conseguenze sulla loro salute. Sono le conclusioni del primo rapporto sul benessere degli animali del circo pubblicato sulla rivista Animal Welfare. Lo studio è stato condotto da ricercatori dell’università di Bristol, Gran Bretagna, guidati da Stephen Harris.

TROPPO STRESS – A soffrire di più sarebbero elefanti, leoni, tigri e orsi. Gli scienziati hanno raccolto campioni di saliva da animali di 153 compagnie circensi. Nelle tigri, la quantità dell’ormone dello stress, il cortisolo, aumenta e resta anormale fino a sei giorni dopo il viaggio e fino a 12 giorni se si tratta del primo viaggio. In media, però, una compagnia resta fissa solo una settimana e per gli spostamenti percorre circa 300 chilometri. Anche quando la compagnia è ferma le condizioni degli animali non sono buone. Secondo il rapporto, gli elefanti sono tenuti in gabbie che vanno da sette a 12 metri quadrati e possono muoversi solo di uno o due metri, la lunghezza della catena a cui sono legati.

ELEFANTI OBESI – Per la mancanza di attività fisica molti pachidermi diventano obesi. Nella savana, invece, un elefante spende dal 40 al 75% del tempo mangiando e si sposta di circa 50 chilometri al giorno. Gli unici animali adatti alla vita del circo sarebbero quelli già addomesticati dall’uomo, come cani e cavalli. Qualche paese, come l’Austria, ha già preso provvedimenti contro questo sfruttamento bandendo gli animali selvaggi dal circo, ma restano ancora gran parte delle compagnie circensi d’Europa e America. In Gran Bretagna per 10 anni non si sono visti elefanti nel circo, ma tre sono ricomparsi a febbraio.

Nei circhi elefanti obesi e tigri sotto stressultima modifica: 2009-05-22T19:33:28+02:00da doc1a
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento