Salvezza e Champions, ultimi verdetti in 180′

Lo scudetto assegnato, la prima retrocessa già certa, i posti per la Champions definiti ma non nell’ordine. A 180′ dalla fine della serie A, restano ancora molti verdetti da emettere, retrocessione o Europa. Ecco le possibili combinazioni.

 VOLATA CHAMPIONS: FIORENTINA INSEGUE LA JUVE
Il Milan, attuale secondo, va direttamente alla fase a gironi di Champions se domani batte la Roma, a prescindere dagli altri risultati. I rossoneri verrebbero pertanto ammessi alla fase a gironi di Champions League (inizio in settembre), come anche, a partire da questa stagione, lo sarà la terza classificata. Per questo posto c’é in corso una volata tra una Juventus in calo (ora a 68 punti, reduce da 7 giornate senza vincere) ed una Fiorentina in ascesa, reduce da 7 vittorie nelle ultime 8 giornate, ed attestata a quota 67. La Juventus può però contare sul vantaggio degli scontri diretti: a parità di punti con i viola, infatti, sarebbe terza comunque (una vittoria e un pareggio per la Juve nelle due sfide dirette alla Fiorentina) La squadra di Prandelli, con 5 punti di vantaggio sul Genoa, quinto, è a un solo punto dalla matematica certezza del posto Champions (a pari punti, si qualificherebbero i viola, avvantaggiati negli scontri diretti). La quarta classificata disputerà i preliminari di Champions League: 18 o 19 agosto l’andata, 25 o 26 il ritorno.

VOLATA SALVEZZA: TRE PER UN POSTO IN A La Reggina è in B, restano due posti per le retrocessione, uno solo per la A tra tre squadre, Chievo Torino Bologna, col Lecce alla disperata. Si avvicina al traguardo il Chievo, che domani in casa col Bologna ha due risultati su tre a disposizione; ma se dovesse perdere, sarebbe clamorosamente risucchiato a 90′ dalla fine. Con i suoi 37 punti, si ritroverebbe in quel caso il Bologna col fiato sul collo (36), e anche il Torino in caso di risultato positivo col Genoa. Il Torino si salva matematicamente se batte il Genoa e se il Bologna perde a Verona (a quel punto Toro 37, Bologna 33, Lecce al massimo 32: dunque granata irraggiungibili e col Bologna perdente a Verona). Il Bologna, qualsiasi risultato faccia, è comunque legato ai risultati altrui: una vittoria in casa Chievo sarebbe un enorme passo in avanti, ma con la eventuale contemporanea vittoria del Torino non darebbe comunque certezze. Il Lecce è scivolato all’ultimo posto e vede un barlume piccolo piccolo di speranza di restare in serie A: se non batte la Fiorentina domani in casa, è in B; se batte i viola, deve sperare che il Torino perda in casa dal Genoa (se anche i granata salissero – con un pareggio – a 35, in caso di arrivo a pari tra Lecce e Torino, i pugliesi sarebbero penalizzati dalla classifica avulsa) e che comunque il Bologna non vinca a Verona (salirebbe in quel caso a 36 e renderebbe vana anche la sconfitta dei granata).

VOLATA EUROPA LEAGUE: RESTA UN SOLO POSTO
La nuova coppa Uefa, denominata dal 2009/10 Europa League, vedrà ancora ai nastri di partenza per l’Italia tre compagini: la quinta e la sesta del campionato e la Lazio, recente vincitrice della coppa Italia. La matematica dice anche Genoa: con un +5 sulla Roma, deve solo guardarsi dal remoto pericolo di un sesto posto che vorrebbe dire doppio preliminare. Sesta è attualmente la Roma, che dovrà respingere gli assalti soprattutto del Palermo (2 punti indietro); conserva speranze anche l’ Udinese (3 punti di ritardo sulla Roma). La squadra di Spalletti può avere la certezza se vince a Milano e il Palermo pareggia o perde in casa dell’Atalanta. La novità sarà data dal fatto che nessuna delle tre italiane entrerà in campo dai gironi, ma tutte dovranno fare i turni preliminari: Genoa e Lazio scenderanno in campo il 20 agosto per l’andata e il 27 agosto per il ritorno, mentre ne disputerà addirittura due la sesta classificata (il primo dei quali in calendario addirittura il 30 luglio ed il 6 agosto).

Salvezza e Champions, ultimi verdetti in 180′ultima modifica: 2009-05-24T14:30:05+02:00da doc1a
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento