VIOLENTÒ DUE RAGAZZE- TARANTO, ECCO L’IDENTIKIT

È stato diffuso oggi dagli investigatori l’identikit del rapinatore di coppiette che ha agito il 16 maggio scorso a Palagiano e il 20 maggio a Laterza, nel tarantino, aggredendo e violentando in entrambi gli episodi le ragazze. Lo stesso uomo, nella notte tra il 22 e il 23 maggio, avrebbe poi tentato di compiere una rapina in una masseria di Gioia del Colle a commercianti di bestiame che riuscirono a reagire mettendo in fuga l’aggressore, dopo averlo disarmato e avergli sfilato anche il passamontagna. I tratti somatici dell’uomo sono stati messi insieme sulla base delle descrizioni e della collaborazione delle vittime di tutti e tre gli episodi avvenuti sulla Murgia pugliese. Tutti – a quanto si è saputo – sono stati concordi nel descrivere gli occhi scuri ‘a fessura’ del rapinatore, particolare questo rimasto impresso soprattutto alle due ragazze vittime degli stupri, compiuti dall’uomo a volto scoperto. I capelli dell’uomo sono di color castano chiaro, la fronte è spaziosa, l’età compresa tra i 35 e i 40 anni, la carnagione dell’uomo sarebbe tipica del colore di chi lavora al sole, l’altezza indicata è tra 1.70 e 1.80. Il volto dell’aggressore è «paffuto». Si tratta di un uomo – hanno detto gli investigatoti – che parla italiano ed capace di muoversi molto bene di notte nelle campagne. L’identikit è stato diramato a tutte le pattuglie dei carabinieri della Puglia e della Basilicata. È, inoltre, in queste ore mostrato ad allevatori e agricoltori delle zone dove ha compiuto le aggressioni: Taranto, Bari, ma anche nella vicina Matera. I militari della sezione investigazioni dei carabinieri stanno inoltre lavorando sulle impronte e le tracce organiche trovate a bordo di una Lancia K sottratta dal malfattore alla coppietta rapinata a Laterza il 20 maggio scorso e abbandonata nei pressi della masseria degli allevatori aggrediti a Gioia del Colle.

 

20090525_taranto_01.jpg
VIOLENTÒ DUE RAGAZZE- TARANTO, ECCO L’IDENTIKITultima modifica: 2009-05-26T00:10:40+02:00da doc1a
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento