Berlusconi sotto accusa, i figli lo difendono

berlusconi.jpg

Due giornali stranieri – il britannico Financial Times e lo spagnolo El Paìs – hanno criticato oggi in due editoriali il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, dicendo che il premier è un cattivo esempio e che mina la credibilità italiana.

Quando alle critiche si sono aggiunte le parole del segretario del Pd Dario Franceschini, che ha chiesto agli italiani se farebbero educare i loro figli da Berlusconi, sono stati i figli del premier a scendere in campo per difendere il padre.

“Berlusconi chiaramente non è Mussolini: ha plotoni di veline, non di Camicie nere”, dice l’editoriale del Financial Times. “Nessun fascismo, ma un pericolo – innanzitutto per l’Italia – e un cattivo esempio per tutti”.

Secondo l’Ft il pericolo che l’Italia corre “consiste nel fatto che i media sostituiscano i contenuti seri della politica con quelli dello spettacolo. E’ quello di una spietata demonizzazione dei nemici e il rifiuto di accordare una base di indipendenza ai vari poteri. E’ quello di investire una fortuna al servizio della creazione di una immagine forte, fondata su un successo senza fine e sul sostegno popolare”.

Che Berlusconi sia così forte, prosegue il quotidiano, “è in parte colpa di una sinistra tentennante, di istituzioni deboli e talvolta politicizzate, di un giornalismo che ha troppo spesso accettato un ruolo subalterno. Molto di tutto ciò è il difetto di un uomo molto ricco, molto potente e sempre più spietato”.

EL PAIS: “IMPUNITO”

Il quotidiano spagnolo di area socialista a sua volta definisce invece Berlusconi “impunito”.

Secondo El Paìs Berlusconi,al suo terzo governo e dopo quindici anni di vita politica, è oggi “più populista che mai e continua ad essere tanto più capace di governare per se stesso quanto incapace di pensare alla collettività… con il tempo ha realizzato il suo unico obiettivo: la sua impunità giuridica”.

“Le ultime decisioni del suo governo mostrano una scalata inquietante di questa impunità morale”, prosegue El Paìs spiegando che questo avviene in un contesto di “sinistra scomparsa, 15 punti indietro al Pdl secondo i sondaggi”, grande sostegno popolare e controllo dei media.

Intanto, il segretario del Pd Dario Franceschini, oggi impegnato in un tour elettorale in Liguria, ha attaccato il premier chiedendo ironicamente agli elettori: “Fareste educare i vostri figli da quest’uomo?”.

“Non c’è dubbio che Berlusconi sia un imprenditore e un politico di successo, ricco, furbo e potente — ha detto Franceschini, le cui dichiarazioni sono riportate da un comunicato stampa del Pd — (ma) chi guida un paese ha il dovere di dare il buon esempio, di trasmettere valori positivi”.

FIGLI “ORGOGLIOSI”

La frase di Franceschini però non è piaciuta a Denis Verdini, coordinatore nazionale del Pdl, che l’ha definita un “becero e indegno modo di condurre la campagna elettorale”.

E non si è fatta attendere la replica dei figli di Berlusconi.

“Franceschini dovrebbe vergognarsi. Chi gli dà il diritto di giudicare Silvio Berlusconi come padre?”, dice in una nota Marina Berlusconi, presidente Fininvest e Mondadori.

“Con le sue parole offende anche me come figlia. Una figlia profondamente orgogliosa del padre che ha e dei valori che mi ha trasmesso. Sarei felice per i figli di Franceschini se avessero un padre come il mio”.

Barbara, Eleonora e Luigi Berlusconi, avuti dal premier dalla moglie Veronica Lario, hanno detto in una nota di “essere stati cresciuti ed educati in un ambiente famigliare equilibrato e ricco di valori”.

“Non tutto si può sottoporre ad un sondaggio. Alla domanda se un padre sia capace ad educare un figlio gli unici in grado di rispondere sono i figli stessi. La politica non dovrebbe sconfinare in giudizi relativi al ruolo di padre, che con la politica nulla hanno a che vedere”.

Berlusconi sotto accusa, i figli lo difendonoultima modifica: 2009-05-27T23:01:45+02:00da doc1a
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento