EMILY, “BIGAMA SERIALE”

20090623_emilybigama2.jpgPotrebbe finire in carcere un’ex-modella inglese che ha ammesso di aver sposato il suo quinto uomo, senza divorzIare dai precedenti quattro mariti. Emily Horne, 31 anni, ha già scontato sei mesi di prigione per “bigamia seriale”. Horne, originaria di Kingswinford, West Midlands, ha confessato il suo stato di bigama all’ultimo marito, Ashley Baker durante la loro luna di miele in Scozia. L’uomo l’ha così denunciata per “bigamia seriale” e il caso è finito davanti alla Minshull Street Crown Court di Manchester.
Descritta dal giudice come “una predatrice femminile”, la Horne ha sposato il suo primo marito, Paul Rigby, a York nel dicembre del 1996, il giorno dopo il suo diciottesimo compleanno. Rigby, un militare che era stato a scuola con lei, venne mandato in missione all’estero: al suo ritorno, cinque mesi dopo, scoprì che Emily lo aveva lasciato. Così, sono seguiti in rapida successione il bancario Sean Cunningham, presto mollato da Emily per il suo amico Simon Thorpe, che però voleva un matrimonio in chiesa con tutti i crismi. Morale: lasciato anche lui per il marito numero tre, Chris Barratt, un disegnatore di siti web. Quindi, è stata la volta di James Matthews, ferroviere, incontrato sul treno e sposato un mese dopo a Ipswich. Emily ha rivelato a James di essere ancora unita al marito numero tre, ma l’uomo ha allertato la polizia locale solo tre mesi più tardi, quando lei è scappata con il loro testimone di nozze. In seguito, la Horne ha incontrato Baker e lo ha convinto a diventare il marito numero cinque.
In tribunale Emily si è detta “pentita” e ha chiesto scusa alle sue “vittime”. La sentenza è attesa per il 27 luglio.

EMILY, “BIGAMA SERIALE”ultima modifica: 2009-06-24T10:23:59+02:00da doc1a
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento