NASCE PREMATURA, LA LEGGE INGLESE LA LASCIA MORIRE

20090909_bimbo_prematuro.jpg

 

«I medici hanno lasciato morire il mio bambino perchè troppo prematuro»: la denuncia arriva da una donna britannica, Sarah Capewell, 23 anni, che lo scorso ottobre ha dato alla luce un bambino, Jayden, dopo appena 21 settimane e cinque giorni di gravidanza. Troppo poche, almeno secondo i medici del James Paget Hospital di Norfolk che hanno deciso di non sottoporre il bambino a trattamento medico dal momento che, per soli due giorni, non raggiungeva le 22 settimane di gestazione previste dalle linee guida adottate nel Paese. Infatti, secondo queste linee guida sulle nascite premature pubblicate tre anni fa dalla British Association of Perinatal Medicine «se l’età gestazionale è inferiore alle 23 settimane è nell’interesse del bambino non intervenire con la rianimazione». Un intervento medico per i bambini nati tra la 22esima e la 23esima settimana di gravidanza è invece possibile solo dietro richiesta dei genitori. Per il bambino di Sarah Capewell, che per soli due giorni non ha raggiunto le 22 settimane di gravidanza, quindi, non c’è stato nulla da fare. Il piccolo è morto dopo appena due ore di vita. «Quando mio figlio è nato era in grado di respirare e di muovere gambe e braccia», ha raccontato la donna che ora chiede che le regole vengano cambiate.

 

NASCE PREMATURA, LA LEGGE INGLESE LA LASCIA MORIREultima modifica: 2009-09-10T10:43:52+02:00da doc1a
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento