Morgan: “Rifarei tutto, sono un uomo libero finché non mi mettono in galera”

morgan_1ufs--400x300.jpg

”Rifarei tutto, forse lo rifarei meglio, sono un uomo libero, finche’ non mi mettono in galera”. Cosi’ Morgan nell’intervista che ha rilasciato a ‘Il Fatto del giorno’ su Rai Due. ”Vediamo se qualcuno mi mette in galera per ragioni ideologiche”.

Questo Sanremo e’ stato di qualita’ davvero bassa”, ha poi detto confessando di aver provato a vedere l’edizione del Festival, da cui poi e’ stato escluso in seguito alle affermazioni sull’uso di cocaina, ma che ”vedendolo mi riaddormentavo, come si fa con un brutto film. La prima serata l’ho vista per pura informazione”.

L’artista ha poi affermato che l’Italia ”non e’ un paese ipocrita, ma e’ un paese che ha paura. Secondo me c’e’ una sacco di brava gente, di buon senso e di bella musica, cosa che a guardare un Sanremo verrebbe da dire che non esistono. Tutti contestano l’uso farmacologico, poi se gli frughiamo nelle tasche hanno il Tavor e sono pieni di vino. Mi fa veramente schifo una persona con l’alito che puzza di alcool”.

In un festival di regime non potevo esserci, ero troppo pesante. Ci tenevo ad andare per la questione musicale”, ha aggiunto il cantante.

Morgan: “Rifarei tutto, sono un uomo libero finché non mi mettono in galera”ultima modifica: 2010-02-25T22:37:55+01:00da doc1a
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Morgan: “Rifarei tutto, sono un uomo libero finché non mi mettono in galera”

Lascia un commento